La coccinella

Quell’inverno, veniva a trovarci tutte le sere. Appena ci sedevamo a tavola e iniziavamo a mangiare, lei spuntava tra le posate. Non si sa da dove arrivasse. Forse entrava quando il papà chiudeva i balconi, o forse abitava nel lampadario della cucina.
Camminava di qua e di là, sulla tavola imbandita. A volte seguiva le stradine blu della tovaglia scozzese.
Si arrampicava sulla caraffa dell’acqua e sulla bottiglia del vino. Ma gli effluvi del vino la stordivano un pochino e puntualmente cadeva a gambe all’aria. Era più sveglia e agile dei suoi cugini cimici che rimanevano per ore a zampe in su: muoveva le zampette per girarsi, ma se proprio non ci riusciva, apriva un po’ le ali e zumpete… eccola di nuovo in piedi.
Le piaceva fare l’equilibrista, girando in tondo sul bordo del bicchiere: non è mai caduta dentro!
Una volta però cadde nel purè! Per fortuna non era molto caldo.
Se aveva sete beveva un po’ d’acqua dal cucchiaino, e se trovava il coperchio del vaso aperto del miele, ne leccava un pochino.
A volte spariva: la cercavamo dappertutto, sotto i piatti, vicino al pane… ma niente. Le piaceva giocare a nascondino mimetizzandosi tra le macchie di sugo.
Si divertiva anche a farci il solletico passando di mano in mano, tanto che a volte dovevi stare attento a non schiacciarla perché non te ne accorgevi nemmeno che stava camminando sul tuo gomito.
Una sera, verso primavera, non arrivò.
E nemmeno la sera successiva. La cercammo per qualche tempo, ma niente da fare.
Finché un giorno, dietro al balcone, trovammo un’intera famiglia di coccinelle. Ecco dov’era finita!

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su email
Invia ad un amico